‘Uomini e Donne’: l’opinione di Isa sul Trono classico del 5/12/2017

Trono classico - Paolo Crivellin

Ve lo dico subito, mai avrei pensato di potermi infervorare per il trono di Paolo Crivellin e invece oggi è successo. E non mi sono di certo infervorata perché mi è partita qualche ship  o perché mi sono appassionata alla dinamiche del trono, ma mi sono infervorata perché va bene una, va bene due, va bene tre, ma adesso, caro Paolo

Dai, ma insopportabile, insostenibile, ingiustificabile! E all’inizio l’ho sempre difeso perché è un ragazzo educato e a modo, e poi ho accennato al fatto che probabilmente è giusto un pochino vittima della sua razionalità, poi ha iniziato a infastidirmi quando ha cominciato a riversare sulle sue corteggiatrici delle improbabili colpe per giustificare la sua mancanza di slanci emotivi e oggi sono proprio arrivata a non tollerarlo più  e mi è finita a indossare la sciarpetta virtuale a supporto di Angela Caloisi che si è presa una cotta per lui e che, per questa ragione, sta lì a subire ore di ragionamenti contorti e di pipponi senza fine in cui l’unica conclusione che il tronista riesce a sottolineare è che se “non si quaglia” la colpa è sempre di tutti, meno che sua.

Mi sono trovata integralmente d’accordo con Tina Cipollari quando, molto semplicemente, ha invitato il tronista a smollarsi, a rilassarsi, a prendersi meno sul serio e a togliersi, almeno per qualche istante, quel manico di scopa che sta dove sapete benissimo e dal quale sembra non riuscirsi a separare. Ha detto bene l’opinionista: “se non riesci ad essere più spontaneo e istintivo dopo mesi di conoscenza è perché forse queste ragazze non ti hanno preso più di tanto quindi è inutile star qui a perdere altri mesi a psicoanalizzarle, se una ti piace sceglila, se non piace o vai via o ricominci da capo“. E che Paolo non sia più di tanto preso da nessuno (e che se sceglierà Angela lo farà più che altro per coerenza) lo vado dicendo da settimane, ed il fatto stesso che ad ogni puntata ci sia sempre una corteggiatrice nuova da portare in esterna, l’ultima la bionda Marianna, la dice lunga su quanto lui sia ancora alla ricerca di “altro” rispetto a ciò che ha già lì da mesi.

Insomma, fossi un’amica di Angela le consiglierei di andar via, lei non ha più nulla da dimostrare, sta lì da mesi, ha fatto di tutto, ha riso, ha pianto, ha litigato, si è raccontata, si è dichiarata in lungo e in largo. Se a lui piace ha già tutti gli elementi che dovrebbero servirgli per sceglierla, se invece non gli piace abbastanza allora non saranno due esterne in più a fare la differenza. D’altro canto capisco pure che è facile fare quest ragionamenti da fuori, senza essere coinvolta direttamente, mentre è più difficile comportarsi da wonder woman quando la persona in questione, nonostante tutto, ti piace.

Lo avevo detto nella precedente puntata e lo ribadisco: non vorrei essere al posto della scelta di Paolo. Bravo ragazzo, educato, sobrio e tutto quello che vi pare, ma una croce. Una bolletta. Avere a che fare con lui vuol dire essere perennemente sottoposta ad esame, e non ce la potrei fare mai

Continua a leggere qui..

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *