The Winner Is diventa Music Farm, le Lollipop sfidano Alessandro Canino (VIDEO): perché non riesumare l’originale?

I tempi sembrano maturi per riesumare un altro grande programma di successo della Rai di un po’ di anni fa. Si tratta di Music Farm, show a metà tra il talent e il reality dove a sfidarsi a colpi di canto erano vecchie glorie o meteore della musica italiana. Mentre la prima edizione venne condotta da Amadeus e vantava nel cast nomi del calibro di Loredana Bertè e Ricchi e Poveri (che soggiornavano e convivevano in una beauty farm) si passa alle edizioni di Simona Ventura diventate iconiche non tanto per le carriere rilanciate, quanto per i siparietti offerti dai cantanti ripresi dalle telecamere durante la convivenza stile GF nel loft: dal discusso flirt Dolcenera – Baccini ai racconti di Iva Zanicchi e Franco Califano.

Un programma che tutti ricordano, molti anche con nostalgia, e che ben rientrerebbe nella tendenza revival avviata in questa stagione televisiva e che ha riportato sul piccolo schermo, solo per citarne alcuni, il Rischiatutto, Furore e Sarabanda. L’occasione di ritornare con la mente a Music Farm ce l’ha offerta questa sera The Winner Is dove tra i concorrenti sono arrivati a sfidarsi due meteore del panorama musicale italiano, artisti spariti dopo il grandissimo successo del loro primo brano: Alessandro Canino, interprete della celeberrima hit Brutta, e le Lollipop, vere e proprio antesignane dei talent show (prima di X Factor e Amici) in quanto girl band nata e creata in un programma televisivo (Popstar, 2001). Sia Canino che le Lollipop – nella formazione ridotta con Marta, Veronica e Marcella, senza Dominique e Roberta – hanno cantato i loro brani. La sfida è stata vinta da Canino, ma le tre ragazze prima ancora dell’esito hanno accettato la tentazione e preso i 10mila euro.

prosegui la lettura

The Winner Is diventa Music Farm, le Lollipop sfidano Alessandro Canino (VIDEO): perché non riesumare l’originale? pubblicato su TVBlog.it 29 giugno 2017 23:33.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *