Star Wars: un video ricorda le reazioni all’uscita de “La Minaccia Fantasma”


[Per visionare il trailer clicca sull’immagine in alto]

 

Fino all’uscita de “Gli Ultimi Jedi” era la trilogia prequel di Star Wars al centro di un dibattito particolarmente divisivo tra i fan. Ora c’è invece l’Episodio VIII di Rian Johnson, tra l’altro molto apprezzato dalla critica, al centro degli strali di una parte del fandom, con qualcuno che è arrivato addirittura a chiedere la cancellazione degli eventi del film dal canone ufficiale.

Per il sottoscritto “Gli Ultimi Jedi” è stato deludente ed entusiasmante in parti uguali, con alcune svolte narrative buttate letteralmente via, vedi le origini di Rey e la morte di Snoke, e momenti che non potevano non entusiasmare un fan di lunga data della saga, vedi il ritorno di Luke Skywalker, del maestro Yoda o la battaglia finale su Crait.

Per quanto riguarda la trilogia prequel, George Lucas all’epoca obnubilato da un utilizzo smodato e quasi compulsivo degli effetti speciali ha sprecato l’occasione di narrare adeguatamente le origini di Darth Vader, preferendo confezionare un giocattolone senz’anima, tutto concentrato a strizzare l’occhio agli spettatori più giovani e mettendo in scena un vero e proprio videogame fracassone, in tutto ciò mancando di cuore, ma soprattutto peccando nella parte “epica” della narrazione.

Ora nuovo video mostra come i fan di “Star Wars” hanno reagito online a “La Minaccia Fantasma” quando il film è uscito nei cinema. Il video mostra come ognuno dei film prequel è stato accolto nelle rispettive date di uscita, e in che modo i due successivi capitoli hanno finito per avere un impatto negativo sul primo episodio.

Quando “La Minaccia Fantasma” è uscito nel 1999, la maggior parte delle recensioni dei fan erano a dir poco entusiastiche. Roger Ebert ha dato il film a 4 stelle su 5 e anche prestigiose testate come il New Yorker hanno pubblicato recensioni estremamente positive. Alcune recensioni dopo l’uscita de “La Minaccia Fantasma” arrivano addirittura a definire Lucas un genio per quello che era riuscito a realizzare con l’Episodio I.

Dopo l’entusiasmo iniziale però sono arrivate anche le recensioni negative, ma come accaduto per “Gli ultimi Jedi” c’è stato chi ha continuato a difendere strenuamente i prequel di Lucas. Il problema è che dopo l’uscita de “L’attacco dei Cloni” la cosiddetta “luna di miele” pareva terminata, l’entusiasmo scemato e molti di quelli che avevano esultato per l’Episodio I ora sembravano rendersi conto che non è tutto oro quel che luccica.

E’ chiaro che è difficile per un fan discernere l’effettiva qualità di un’opera da quello che è il suo gusto personale e soprattutto ciò che vorrebbe vedere sullo schermo, e qui si crea un’inevitabile spaccatura. Un esempio di questa divisione è l’ottimo “Il risveglio della Forza”, che una parte dei fan ha tacciato di essere una fotocopia della trilogia originale, con qualcuno che dopo l’uscita del film ha addirittura chiesto a gran voce un ritorno di George Lucas al timone della saga, forse ignaro che Lucas a suo tempo affermò che secondo lui Star Wars è un film concepito per bambini, e che se fosse per lui questa nuova trilogia avrebbe visto come protagonisti degli adolescenti.

Questo tifare per una visione piuttosto che un’altra alla fine miete inevitabilmente vittime, vedi lo spin-off Solo: A Star Wars Story, buon film con un sorprendente protagonista, e lo afferma uno dei più scettici riguardo al casting di Alden Ehrenreich, che è inevitabilmente finito nel tritacarne dei social media diventando alla fine una sorta di capro espiatorio per il vituperato “Gli ultimi Jedi”.

Il video condiviso dal canale YouTube EckhartsLadder è qui a ricordarci quanto le opinioni alla fine siano permeabili al contesto e spesso alla maggioranza rumorosa.

 

 

 

Fonte: Reddit

 

 

PROSEGUI LA LETTURA

Star Wars: un video ricorda le reazioni all’uscita de “La Minaccia Fantasma” é stato pubblicato su alle 10:55 di Saturday 29 December 2018

Continua a leggere su Blogo

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *