Serie Tv, novità: The L Word ritorna su Showtime?; Who Fears Death prodotto da George RR Martin su HBO

the-l-word.jpg

The L Word: la moda di revival e sequel non sembra volersi esaurire e Showtime starebbe lavorando per riportare in tv uno dei suoi primi successi. Secondo quanto emerge dai siti USA la rete cable vorrebbe realizzare un seguito di The L Word, drama del 2004 su un gruppo di lesbiche e i loro amici a West Hollywood. Tre delle attrici protagoniste della serie originale saranno produttrici del revival, Jennifer Beals/Bette, Kate Moenning/Shane e Leisha Hailey/Alice. Inoltre, nel caso in cui la serie venga effettivamente ordinata, saranno nel cast almeno come guest star per fungere da ponte tra la veccha e la nuova serie. Nei piani di Showtime a Beals, Moenning e Hailey nel nuovo The L Word si affiancheranno un nuovo gruppo di donne con i loro amori, le loro vite private e professionali. Anche altri personaggi della serie del 2004 dovrebbero eventualmente far parte del sequel. The L Word, creato da Ilene Chaiken è andato in onda per sei stagioni e ha poi dato vita allo spinoff The Real L Word. Chicken al momento è sotto contratto con la 20th Century Fox ed è showrunner di Empire, per questo non sarà direttamente coinvolta ma sarà in ogni caso produttrice. Al momento la produzione sta cercando una/o sceneggiatore che abbia legami con la comunità LGBT e in particolare con l’universo femminile, per riuscire a riportare le loro esperienze in tv. In particolare la sfida sarà quella di rendere attuale la serie, ma al tempo stesso trovare una propria direzione in un periodo in cui i personaggi gay e lesbiche in tv non mancano.

Homeland: la produzione della settima stagione della serie Showtime (in Italia su Fox) attesa per il 2018 si sposta da New York alla Virginia.

<a href="http://www.tvblog.it/post/1472917/serie-tv-the-l-word-sequel-showtime?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_content=proseguilettura&utm_campaign=Feed%3A+TVBlog

Continua a leggere qui..

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *