Michele Santoro contro la Rai: “Ci affanniamo a proporre idee nuove ma non interessano a nessuno”

michele santoror

Il chiacchierato ritorno di Michele Santoro in Rai appare più lontano dopo la lettera del giornalista e conduttore televisivo pubblicata questa mattina sul Fatto Quotidiano. “Curiosamente, da quando siamo usciti di scena, non si parla più di crisi dei talk. Segno che i talk sono tutti uguali, ma ce n’ era uno che evidentemente era più uguale degli altri”, debutta Santoro: Servizio Pubblico, infatti, non si vede su La7 da giugno, il conduttore aveva dichiarato di voler prendersi una pausa per ideare nuovi progetti. Quest’ultimi sono stati ideati, sì, ma “non interessano a nessuno. Meno che meno alla Rai”.

La redazione di Servizio Pubblico, scrive, “era piena di gente inadeguata alla rivoluzione. I più realisti si sono rifugiati nelle architetture che restano precariamente in piedi: le piazze pulite, le quinte colonne, i quartieri Ballarò ritinteggiati a calce, quando non hanno trovato posto nel più astratto e meno deperibile DiMartedì che è appena un po’ meno virtuale di Che tempo che fa. Giulia Innocenzi, incurante dei consigli per gli acquisti, continua a occuparsi dei diritti degli animali e, a dire il vero, anche di quelli degli umani”. Quest’ultima, secondo La Notizia, farà parte del cast di Maggioranza Assoluta su Italia 1.

prosegui la lettura

<a href="http://www.tvblog

Continua a leggere qui..

Continua a leggere qui..

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *