Isola dei Famosi, Brice Martinet: “Avventura bellissima, temevo di ferirmi di brutto”

Ad un mese dalla fine della decima edizione de L’Isola dei Famosi , Brice Martinet analizza, assieme alle colleghe di Isa e Chia , aspetti inediti dell’avventura selvaggia in Honduras come l’imbarazzo iniziale per lo sbarco a Playa Desnuda assieme a Cecilia Rodriguez:

All’inizio ero molto imbarazzato a ritrovarmi nudo con una ragazza che non conosco e che ha un carattere molto forte. Ho cercato di rassicurarla, di non metterla a disagio, di aiutarla per quanto possibile. Ogni mattina lei aveva un calo di energia che io ho provato a compensare. Ho voluto creare una squadra insieme a lei, perché non avendo vestiti, spazzolino, eravamo molto deboli a livello psicologico. E’ stata una bellissima esperienza quella a Playa Desnuda, ma molto forte. In tutta onestà, non mi sono mancate tanto le mutande, quanto un paio di scarpe. Perché al limite – come abbiamo fatto – ci si poteva coprire con le foglie, con la borsa bianca che avevamo, ma alle scarpe non si poteva rimediare in nessun modo.

brice martinet

Come svelato, in maniera sibillina da Catherine Spaak, all’inteno del reality di Canale 5, i concorrenti sarebbero esposti ad una serie di rischi non trascurabili:

L’avventura è bellissima ma l’aspetto che mi preoccupava di più era ferirmi, ferirmi di brutto. Per esempio, io su Playa Desnuda non avevo le scarpe e lì era pieno di rischi, quindi ogni volta che camminavo sugli scogli era un pericolo. Ho sempre tenuto in mente che prima di partire, Elena, mia moglie, mi ha detto “Mi raccomando, nessun rischio!”, quindi per tutta l’avventura ho sempre immaginato la sua voce che mi ripeteva: “Oh, Brice, nessun rischio, ricordatelo!

A queste condizioni, un tetto ed un comodo letto sembrano essere il Paradiso, non trovate?!

Isola dei Famosi | Brice Martinet | Pericoli per i concorrenti é stato pubblicato su gossipblog alle 13:50 di 13 aprile 2015

Continua a leggere qui..

Continua a leggere qui..

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *