I Retroscena di Blogo: L’intrigo delle Iene fra Davide, Antonio, Teo e Frank

I Retroscena di Blogo: L'intrigo delle Iene fra Davide, Antonio, Teo e Frank

 

Sembra essere alquanto complicato l’intrigo che si cela dietro la scelta -difficile- dei conduttori della nuova serie -l’ennesima- del programma Le Iene, in partenza domenica prossima dalle frequenze di Italia1. Dietro a tutto ciò pare ci sia una piccola-grande diatriba fra Antonio Ricci e Davide Parenti, ma andiamo con ordine.

 

Come è noto Italia1 proporrà nel corso di questa stagione televisiva un format che tanto successo ha regalato tempo fa a Canale5, il format si chiama Cultura moderna. Alla guida di questo varietà -cosi come accadde in origine- ci sarà Teo Mammucari, rimasto a Mediaset nonostante alcune sirene lo attirassero vero altri lidi. Teo, oltre che essere entrato nello show del sabato sera di Canale5 Tu si que vales, dovrebbe condurre anche Le Iene insieme alla sua vecchia compagna di lavoro Ilary Blasi.

 

Si riformerebbe così la storica coppia di questa trasmissione, dopo i risultati di ascolto -alquanto opachi- fatti registrare dall’ultima serie con una conduzione corale. In tutto questo esiste un ma, Parenti non gradirebbe molto Teo, perchè “colpevole” di andare a condurre sempre su Italia1 appunto Cultura moderna di Antonio Ricci.

 

Questa cosa nascerebbe da una leggenda metropolitane che narra questo: Ricci, a suo tempo, avrebbe stoppato l’approdo delle Iene su Canale5 e Parenti questa faccenda non l’avrebbe mai digerita. Ora che succederà? Parenti seppellirà l’ascia di guerra per il bene del suo programma più famoso, oppure farà qualunque cosa per bloccare Teo alle Iene, magari mettendo a fianco di Ilary il personaggio di Sky Frank Matano, già in predicato di fare le Iene nella passata stagione televisiva ?

 

Vedremo nelle prossime ore quali saranno le decisioni che verranno prese.

prosegui la lettura

<a href="http://www.tvblog

Continua a leggere qui..

Continua a leggere qui..

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *