Cristiano Malgioglio si scaglia contro i concorrenti del ‘Gf 15’: “Non ci hanno lasciato nulla, li dimenticheremo tutti. Aida Nizar? Ha rovinato questo programma!”. E su Simone Coccia…

Cristiano Malgioglio

Lunedì 4 giugno è andata in onda la finale del Grande Fratello 15 che ha visto sul gradino più alto e quindi vincitore Alberto Mezzetti. Una vittoria voluta da molti ma non dall’opinionista di questa edizione del reality show, Cristiano Malgioglio, che intervistato da Gay.it ha detto:

Alberto è piuttosto insipido. Avrei preferito vincesse Lucia Orlando, la fidanzata di Filippo Contri.

Durante il programma, il paroliere non ha mai nascosto di essere dalla parte di Veronica Satti nella vicenda con Bobby Solo ma ha confessato:

Tifavo per il suo coraggio, più che per lei. Ha portato in prima serata e quasi 24h al giorno la sua straordinaria normalità. Ha insegnato più lei, che tutti gli altri concorrenti messi assieme. E’ una fortuna avere begli esempi come lei e la sua storia.

Qualcuno ha considerato sospetto questo riavvicinamento tra padre e figlia proprio durante il Gf, come una sorte di mossa pubblicitaria, ma Cristiano non è d’accordo:

Non credo sia così, anche perché altrimenti sarebbe venuto direttamente in trasmissione. E poi quale scopo pubblicitario? Ha già fatto tanto, basta!

Parole invece non di elogio sono per uno dei finalisti, Simone Coccia Colaiuta, che per alcuni era tra i papabili trionfatori:

Lui è stato un bravissimo giocatore, quello sì, ma da lì a dire che avrebbe potuto vincere, ce ne passa e poi non mi è piaciuto il suo atteggiamento. Deve sapere che quando è arrivato in studio, dopo essere stato eliminato, mi è sembrato piuttosto incazzato per non aver vinto. Spera di andare ad Hollywood, ma gli consiglierei prima un bel corso d’italiano e poi, magari, quello d’inglese.

Ecco invece il suo pensiero sulla relazione con Stefania Pezzopane:

Se credo nella loro storia d’amore? Credo in lei. L’Onorevole è palesemente innamorata

Continua a leggere qui..

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *