Bake Off Italia 4 | 9 settembre 2016 | Diretta dalle 21.10

0902_211632_bake-off-italia-4-diretta.jpg

Bake Off Italia torna questa sera, venerdì 9  settembre, alle 21.10 su Real Time (DTT, 31) per la seconda puntata della sua quarta stagione: eliminati i primi quattro concorrenti, sono rimasti in 16 a combattere per la vittoria sotto il tendone di Villa Annoni di Cuggiono (MI), sempre più bello. Benedetta Parodi guida ormai col pilota automatico questa gara di pasticceria, complicata in questa edizione dalla panificazione, nella quale i concorrenti si cimentano sotto gli occhi del maestro panificatore, e figlio d’arte,   Antonio Lamberto Martino. Dopo averlo visto all’opera nella prima puntata, la sensazione è che debba ancora trovare un suo posto nella ‘triade’ Parodi-Knam-D’Onofrio, che pure stanno facendo di tutto per integrarlo. Vediamo come andrà in questa seconda puntata. ui si aggiunge il maestro panificatoreo. Primo appuntamento con la gara, quindi, col nuovo giudice e con i 20 concorrenti intenzionati a conquistare il titolo di quarto Miglior Pasticcere Amatoriale d’Italia e annesso premio:  lo seguiremo live su TvBlog. Ma vediamo le novità di questa edizione, firmata (come sempre) da

Bake Off Italia 4 | Anticipazioni

Anche questa sera, nei 90′ minuti della puntata, i concorrenti  dovranno affrontare 3 prove: si parte con la prova creativa – in cui devono creare, in un tempo stabilito, uno specifico dolce mettendoci un pizzico di originalità -, si continua con la prova tecnica – nella quale devono seguire alla lettera una ricetta data su un grande classico della pasticceria – e si termina con la prova WOW, in cui gli aspiranti Miglior Pasticcere Amatoriale d’Italia devono dare sfogo alla loro creatività e stupire i giudici.

Bake Off Italia 4 | I giudici

Al ‘Re del Cioccolato’ Ernst Knam e alla regina del Cucchiaio Clelia D’Onofrio, fedeli al servizio da quattro stagioni, si aggiunge quest’anno Antonio Martino , 36enne, erede di una stirpe di panificatori e pasticceri di Torrenova (MS), ma ormai trapiantato a Siena dove ha fondato il Laboratorio in Corso, la prima “scuola di farina”, per addetti ai lavori o semplici appassionati, nata con l’obiettivo di insegnare l’uso dei grani antichi. Un ingresso importante, anche perché quest’anno la gara si apre in maniera ‘stabile’ al salato

Continua a leggere qui..

Continua a leggere qui..

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *